IT

 

 

giugno 2023

Il mandato del coraggio

Le difficoltà derivanti dalle crisi recenti e le complessità della società moderna hanno portato le persone, a livello internazionale, a chiedere alle imprese private, ai Brand, di assumersi nuove responsabilità che vanno oltre la capacità di realizzare prodotti o servizi equi e di generare valore economico.

Image

Focus

Sempre di più, i pubblici di riferimento interni ed esterni all’azienda si aspettano che il mondo del business affianchi quello istituzionale nel contribuire alla ricerca di soluzioni a problemi che impattano con urgenza sulla loro vita o sulla società più in generale, spaziando dall’inflazione all’ineguaglianza al cambiamento climatico.

Le aziende oggi devono, quindi, attivarsi e agire nel campo dell’innovazione sociale, coinvolgendo e influenzando tutti gli stakeholder, bilanciando la comunicazione corporate e di prodotto con una comunicazione valoriale che dimostri impegno nell’affrontare cause di rilevanza etica e sociale, con obiettivi chiari e concreti.

E in questo, non serve ambizione ma pragmatismo: le persone non si aspettano da loro la perfezione, vogliono vedere azioni concrete e miglioramenti progressivi in un determinato ambito di interesse. Non serve che un brand risolva tutti i problemi ma ci si aspetta un’attenzione sincera verso le cause che sostiene. Si tratta di un profondo cambiamento culturale, che si va a riflettere sul modo in cui le aziende gestiscono le loro strategie di comunicazione. In che modo? Lasciando un’impronta positiva.

Tre domande a

  • Danilo Lissoni
    Marketing Director, VMware

Quali sono le sfide di un marketing manager oggi?

Una delle sfide principali è mantenere un’identità credibile e uniforme, allineata ai propri valori e alla propria storia, su tutte le piattaforme di comunicazione in cui il marchio è presente. E la sfida è proprio quella di interpretare al meglio le possibilità che le singole piattaforme mettono a disposizione, adattando la propria presenza al pubblico di riferimento facendo anche delle scelte difficili, delle scelte di rinuncia nei casi in cui, per esempio per risorse limitate, non sia possibile interpretare al meglio le possibilità offerte.

Quali nuove tendenze vedi affermarsi?

Siamo al centro di un sovraccarico informativo, siamo tempestati da una quantità di informazioni in continua crescita, così come la pervasività dei mezzi e la frequenza delle interruzioni che questi generano sono in costante aumento; Pertanto, le aziende che mirano a ottenere dei riscontri positivi dai propri clienti, devono progettare ed eseguire delle campagne che personalizzino il più possibile i messaggi comunicativi, che vengano consegnati nel momento in cui il destinatario sia più pronto a riceverli e facendo leva sul mezzo percepito meno invasivo o più credibile. Le recenti tattiche di Account Based Marketing vanno proprio in questa direzione, unendo la possibilità di costruire messaggi personalizzati con modalità e tempistiche di consegna più congeniali per il cliente.


Raccontaci di un progetto del quale sei particolarmente orgogliosa

Uno dei punti cardine del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) è l’investimento in progetti di innovazione digitale per il rilancio del Paese ma, diversi rapporti di ricerca (tra cui il DESI dell’Unione Europea e altre di enti privati), confermano che in Italia via è un deficit di competenze digitali che diventa ancora più ampio tra i generi. È quindi con grande orgoglio e soddisfazione che, insieme al team marketing italiano, abbiamo lanciato una serie di progetti di formazione con lo scopo di aumentare la copertura di competenze digitali nel mercato, sia tra giovani diplomati e laureati, sia come aggiornamento professionale. Iniziative come Orizzonte Digitale e le Accademie predisposte con specifici Enti hanno fornito una risposta concreta, alle aziende nostre clienti e ai nostri partner commerciali, alla necessità di figure tecniche a supporto dei progetti di innovazione digitale!

News dal mondo social

Twitter estende il limite di durata dei video fino a un massimo di due ore per gli utenti con la famosa “spunta blu”, l’account a pagamento. Una guida fornisce le istruzioni su come caricare e condividere contenuti attraverso le app iOS e Android o via web browser. In un momento in cui le piattaforme social spingono i contenuti video brevi, Twitter va in controtendenza nel proporre ai suoi utenti premium una diversa modalità di ingaggio dei follower.

Instagram, dal canto suo, sta valutando la possibilità di fornire un'app basata su testi per competere con Twitter. Secondo fonti interne, la nuova app consentirà di condividere contenuti testuali quali brevi aggiornamenti di stato, opinioni o semplici pensieri. L'obiettivo è offrire un'alternativa a Twitter per esprimersi in modo rapido e diretto attraverso testi, link e immagini. L'app è pensata per gli utenti che preferiscono l'aspetto testuale di Twitter, fornendo al contempo funzionalità uniche e un'esperienza utente intuitiva.

LinkedIn lancia Thought Leader Ads, il servizio per sponsorizzare i post dei dipendenti verificati delle aziende. L’obiettivo è di coinvolgere il pubblico con contenuti autentici che posizionino le persone all’interno dell’organizzazione come veri e propri brand ambassador “naturali” della cultura aziendale. In questo modo le organizzazioni si possono rendere attraenti per giovani talenti che desiderino dare il proprio contributo e fare la differenza.

News dal mondo dell'editoria

Computerworld Italia cambia nome e diventa DigitalWorld Italia

Il termine computer è obsoleto? Non rispecchia più la realtà di un mondo in cui il vero elemento distintivo è il paradigma del digitale e lo sa bene Computerworld Italia che ha cambiato nome ed è diventato DigitalWorld.

Danilo Iervolino vende il 49% dell’Espresso al gruppo Alga di Donato Ammaturo

Nuove sinergie tra editoria e business: Alga, società con sede a Nola che fa capo al gruppo Ludoil ha comprato il 49% delle azioni dello storico settimanale.

Marco Girardo, nuovo Direttore di Avvenire

Il quotidiano Avvenire ha il suo nuovo Direttore: Marco Girardo, un giornalista, saggista, conduttore radiofonico ed esperto nella transizione dell’informazione nel contesto digitale.

Rai, Lucia Annunziata: "Lascerò ‘Mezz’ora in più’ ma completerò le puntate"

L'addio al servizio pubblico per Annunziata arriva dopo 30 anni di carriera, in una mail ai vertici di Viale Mazzini: «Il mio è un atto di serietà».

Selvaggia Lucarelli: "Mi cancello dall’Ordine dei giornalisti"

Selvaggia Lucarelli continua ad essere al centro delle discussioni e del gossip: ha sollevato una nuova polemica dopo aver annunciato, tramite un post sui social, di aver lasciato definitivamente l’Ordine dei Giornalisti per protestare contro la comunicazione di una convocazione per un procedimento disciplinare.

Best practice di comunicazione

Brand Activism, il luogo dove si incontrano generazioni diverse

Fra le tendenze del mondo del marketing da tenere maggiormente sotto osservazione vi è il brand activism, il modello preconizzato tra il 2017 e il 2018 dai maestri del marketing e del management aziendale Philip Kotler e Christian Sarkar, secondo cui il perseguimento degli obiettivi economici è correlato o subordinato all’impegno dell’impresa in cause di rilevanza sociale, politica e ambientale.

E la buona notizia è che sono molti i Brand responsabili, anche in Italia, che hanno maturato una nuova fase della loro Corporate Social Responsibility in direzione di un impegno concreto nell’innovazione sociale. Si tratta di imprenditori e di manager illuminati e coraggiosi o di dipendenti e giovani talenti con istanze di corrispondenza tra etica e business?

Tutti insieme, perché l’organizzazione si deve muovere nel suo complesso in modo coerente e armonioso per raggiungere gli obiettivi dati.

Ma anche perché viviamo in una fase dove convivono nella stessa azienda generazioni diverse. Che si trovano d’accordo proprio sulla necessità di dare un contributo personale e concreto a rendere il mondo un posto migliore.

Ci vuole una mente speciale

Fra le realtà più innovative che testimoniano l’importanza di un’azione concreta nel raccogliere il mandato di coraggio vi è AutLab, Laboratorio per menti speciali”.

Nato nel 2022 da un’idea della Manager Roberta Salvaderi, con la direzione scientifica della Fondazione Piatti, AutLab è il primo corso digitale in Italia dedicato agli insegnanti, che aiuta a includere nel contesto scolastico la gestione delle dinamiche dell’autismo.

Considerato che nel nostro Paese 1 bambino su 77 nella fascia di età 7-9 anni presenta un disturbo dello spettro autistico e nel 2022 sono 5.000 i casi di autismo diagnosticati, si tratta di un’iniziativa dalla portata rivoluzionaria.

AutLab permette, infatti, ai docenti di disporre di strategie e strumenti adatti ad applicare metodologie didattiche all’altezza della scuola inclusiva.

Riconosciuto dal Ministero dell'Istruzione, AutLab è oggi disponibile nella sezione SOFIA del MIUR e contra oltre 6.000 docenti iscritti.

Parola del mese

Demistificare il gergo della comunicazione
Thought Leadership
Uno dei fattori di differenziazione più importanti per un’azienda è la possibilità di proporre le proprie persone come thought leader. Ogni azienda e organizzazione può beneficiare da una strategia di comunicazione che includa attività di thought leadership, ma nel concreto, come si può implementare questa strategia?

Dando un volto all’azienda. Un’organizzazione vale quanto le persone che ne fanno parte e la sua cultura è determinata dal contributo che queste persone danno per risolvere i problemi dei loro stakeholder e determinare un impatto positivo sulla vita delle persone.

Concretamente, un piano di thought leadership si implementa monitorando l’agenda dei media su temi dove l’azienda dà un contributo differenziante ed esponendo i portavoce dell’azienda su diverse piattaforme, dai media ai social, dai podcast alla partecipazione a eventi.

Sarà fondamentale veicolare i messaggi aziendali in modo autentico, credibile, sentito, parlando di miglioramenti concreti e misurabili che lascino un’impronta positiva.