19 aprile 2012

Informatici Senza Frontiere al carcere di Firenze

Il presidente di ISF, Girolamo Botter, incontra i detenuti partecipanti al progetto di alfabetizzazione informatica avviato nel 2011 presso il carcere di Sollicciano (Firenze), finalizzato a favorire un loro positivo rientro in società una volta scontata la pena

Informatici Senza Frontiere (ISF), la Onlus formata da volontari professionisti dell’IT e dedita a colmare il digital divide di aree e comunità svantaggiate, ha avviato nel novembre del 2011 un programma di alfabetizzazione informatica presso il carcere di Sollicciano a Firenze, grazie alla collaborazione di Gianfranco Politi, Responsabile Educazione della struttura, e Nicola Zuppa, insegnante che ne segue le attività educative.

L’attività, tuttora in corso di svolgimento, coinvolge entrambe le sezioni della struttura, maschile e femminile, per un totale di 22 destinatari-allievi, che hanno seguito corsi introduttivi all’informatica moderna: dalle componenti principali dell’hardware personal computer all’utilizzo dei software di videoscrittura e dei fogli di calcolo, fino al funzionamento di Internet.

La buona riuscita del progetto ha spinto i destinatari dei corsi a scrivere alcune lettere di ringraziamento indirizzate a Girolamo Botter, presidente di Informatici Senza Frontiere, che sabato 21 aprile farà visita al penitenziario di Sollicciano per incontrarli e discutere con i responsabili del complesso degli sviluppi dell’iniziativa per l’anno in corso.

Il Carcere di Sollicciano, sito nei pressi di Scandicci è il principale istituto di detenzione di Firenze: ospita mediamente oltre 1.000 detenuti, al cui rientro in società punta appunto a contribuire anche il corso di informatica guidato da ISF.
La ONLUS - che attualmente conta più di 300 soci distribuiti su tutto il territorio nazionale - ha infatti la missione di adoperarsi per abbattere il “digital divide”, cioè intervenire in tutte le situazioni in cui la difficoltà a fruire dei moderni mezzi tecnologici costituisce una barriera allo sviluppo del singolo individuo o dell’intera comunità.

ISF agisce sia in ambito nazionale che internazionale. In Italia organizza corsi di alfabetizzazione informatica per persone disagiate, siano esse detenuti in carcere piuttosto che bambini residenti nelle aree più degradate del Paese, o installando proprie attrezzature in ospedali pediatrici, per permettere ai bambini lungodegenti di mantenere i contatti con casa e scuola via internet.

In ambito internazionale, collabora con molte associazioni realizzando aule informatiche in località del Terzo Mondo che ancora non beneficiano dei vantaggi della comunicazione digitale, ma che grazie ad esse possono superare situazioni di isolamento secolare e dirigersi più rapidamente verso lo sviluppo e il miglioramento delle condizioni di vita.

Ulteriori informazioni al sito http://www.informaticisenzafrontiere.org.

Imageware srl - Via Moretto da Brescia, 22 - 20133 Milano - Tel. +39 02.7002.51 Fax + 39 02.7002.540 P.I.08529480157 - e-mail info@imageware.it
Group Company: Img Internet