30 maggio 2012

Amadeus al centro del cambiamento della Travel Industry

Tecnologia e innovazione sono le parole chiave della trasformazione dell’industria dei viaggi; fattori abilitanti per la crescita di questo settore, che sempre di più contribuisce allo sviluppo economico del nostro Paese.  Servizi mobile, sistemi di prenotazione e pagamento, realtà virtuale e nuove tecnologie diventeranno priorità degli Operatori che vogliono guidare il cambiamento del settore, migliorando l’esperienza dei consumatori e aumentando la propria redditività 

Il turismo rappresenta oggi un’opportunità strategica in grado di contribuire ai processi di crescita generale dell'economia e della società del nostro Paese. Gli effetti di un’industria turistica virtuosa si riflettono sul rilancio e sulla competitività dell’Italia nel mondo e consentono di intercettare i flussi crescenti di viaggiatori aumentando la redditività del settore. 
Tecnologia e Innovazione giocano un ruolo centrale nelle dinamiche di consumo dei viaggi poiché consentono agli operatori di sviluppare nuovi strumenti di vendita, aumentare la propria efficienza, migliorare l’offerta; ai consumatori di fruire di nuove modalità di condivisione delle informazioni ed esperienze di viaggio personalizzate.
Maggiore integrazione con i social network, innovativi servizi mobile, nuovi sistemi di pagamento, realtà virtuale e tanto altro ancora diventeranno alcune delle priorità di quegli operatori che sapranno guidare il cambiamento nell’industria del turismo sia intercettando le esigenze di mobile worker e viaggiatori professionali sia rendendo più intensa e speciale l’esperienza dei consumatori.

Amadeus Italia, nel proprio ruolo di leader nella distribuzione e nella fornitura di tecnologie avanzate per l’industria globale dei viaggi e del turismo, è al centro dell’innovazione fornendo soluzioni tecnologiche per supportare i propri clienti nella crescita e nell’affrontare le nuove sfide che il settore dei viaggi impone. La tag line “Your technology partner", riflette l'approccio adottato: un focus costante nell’innovare e creare valore, non solo in termini economici ma di opportunità di sviluppo e progresso sociale per le aziende con cui collabora e più in generale per tutto il settore.

“Abbiamo deciso di organizzare la prima edizione dell’Amadeus Travel Technology Day, dichiara Fabio Maria Lazzerini – Amministratore Delegato e Direttore Generale di Amadeus Italia – perché sentiamo la consapevolezza di testimoniare direttamente cosa significhi fare innovazione nel turismo. Per gli operatori del settore è giunto il momento di agire per recuperare produttività e attrarre i turisti nazionali e internazionali. Il cambiamento passa attraverso l’Innovazione, intesa come nuove tecnologie digitali e in senso culturale: mettere in discussione lo status quo, analizzare e cogliere i segnali che giungono dai fenomeni sociali, avere il coraggio di rischiare, modificare schemi organizzativi e processi intervenendo sulla tecnologia e sulla strategia al contempo. Oggi le aziende italiane che forniscono servizi e prodotti al turismo, devono utilizzare un maggior approccio digitale: sviluppare servizi in grado di rispondere ai nuovi stimoli dei consumatori che richiedono un’esperienza di viaggio sempre più appagante e personalizzata, anche quando affrontano trasferte di lavoro. Noi le possiamo agevolare in questo cambiamento, spingendole ad adottare innovazione e creatività  per cogliere le molte opportunità che questo settore ha ancora da offrire”.

“Il nostro obiettivo di medio periodo, aggiunge Tommaso Vincenzetti – Direttore Marketing di Amadeus Italia – è quello di consolidare il concept dell’Amadeus Travel Technology Day come uno dei più interessanti appuntamenti nell’agenda della business community nazionale. In grado quindi di richiamare l’attenzione delle aziende operanti nell’ITC, quella dei principali attori appartenenti alla Travel Industry, oltre, ovviamente, a quella dei maggiori media italiani. Un’azienda come Amadeus crediamo abbia il know-how, l’expertise e l’entusiasmo per raggiungere questo importante traguardo”.

Se si guarda ai dati dell’industria globale dei viaggi, nel 2010 il valore delle prenotazioni totali ha superato gli 860 miliardi di dollari; per il 2012 si stima che la cifra arriverà a 963,8 miliardi di dollari (+12%) . In questo contesto l’online rappresenta il 30% del mercato globale con una previsione per il 2012 di oltre 313 miliardi di dollari. Europa e Usa guidano la classifica delle prenotazioni online, rispettivamente con il 37% e il 36% seguite dai paesi APAC (23%) e LATAM (5%). Nel vecchio continente i viaggiatori – di cui il 78%  raccoglie sul web le informazioni per la propria vacanza –concentreranno nel 2013 le loro attività online nella prenotazione di voli di linea (30%), seguiti da quelli per le compagnie low cost (23%), viaggi in treno (15%), hotel e tour operator (14%), auto a noleggio (4%).

E in Italia? Secondo il Country Brand Index 2011 che misura e analizza lo stato di salute della marca-paese, ossia dell’immagine percepita, l’Italia risulta essere al 10° posto su 113 nazioni, ma al 1° per quanto riguarda l’arte e la cultura e al 3° per la storia. La vera forza del nostro Paese è data proprio dai suoi asset storici come la cultura, la cucina, lo stile, il turismo, che in questo periodo di globalizzazione, rendono l’Italia un vero competitor proprio di quei paesi che hanno una grande stabilità politica. Nel nostro Paese l’industria del turismo rappresenta l’8,6% del PIL  e rispetto al 2010, si è registra una diminuzione del numero di viaggi (-16,5%) e del numero di pernottamenti (-15,1%), mentre resta immutata la durata media dei viaggi (6,4 notti).
In termini di pernottamenti, la riduzione è altrettanto  evidente per le vacanze (-15,6%),  sia lunghe (-15,3%), sia brevi (-17,1%), mentre i pernottamenti per viaggi di lavoro si mantengono sostanzialmente stabili
L’impatto sull’economia del turismo in Italia, considerando quello indiretto e l’indotto, vale oltre 136 miliardi di euro . 156 miliardi nei prossimi 10 anni. Per quanto riguarda l’occupazione, nel 2011 sono stati generati 868.500 posti di lavoro, sopratutto in abito diretto, alberghi, ristorazione, compagnie aeree. I lavoratori nel settore turismo rappresentano il 3.8% dell’occupazione totale. Per i prossimi 10 anni, secondo le stime Wttc, l’incremento medio sarà del 3,5%. Gli arrivi internazionali cresceranno nel 2012 di un 1%, superando quota 45 milioni.

Nuove tecnologie per nuovi viaggiatori
Una recente ricerca condotta da Amadeus  ha rivelato come la combinazione tra nuove tecnologie e cambiamenti sociali trasformerà l’esperienza del viaggio entro il 2020, proponendo proprio a questo settore di superare stress e incertezze nei viaggi, attraverso l’applicazione di nuove tecnologie e innovazioni.
Da una parte, infatti, si assiste alla globalizzazione del commercio, a una crescente emigrazione e riduzione dei costi dei viaggi, che li rende più accessibili. Dall’altra un aumento dei viaggi internazionali; web 2.0, dispositivi mobile, crowdsourcing, tool di collaboration e social network, hanno creato un nuovo tipo di turista, che si informa sulla rete prima di pianificare una vacanza, che pretende dall’esperienza di viaggio livelli sempre più elevati di controllo, sicurezza, personalizzazione.
Lo studio rileva, inoltre, un chiaro fenomeno evolutivo in cui gli utenti diventano partner piuttosto che clienti e dove il luogo di destinazione del viaggio è importante tanto quanto la modalità di spostamento. Alla base di questa nuova era all’insegna della collaborazione ci sono necessariamente tecnologie e innovazioni abilitanti che si svilupperanno nei prossimi 5-10 anni: documenti di identità digitali, con informazioni facilmente accessibili e aggiornate sul cliente, potranno rendere i servizi personalizzati e alla portata dei fornitori di servizi di viaggio. La capacità di trasmettere ai viaggiatori informazioni in tempo reale, quando e dove necessarie per mezzo delle tecnologie di comunicazione, consente di snellire le procedure di viaggio. Social computing, realtà aumentata e raffinatezza delle tecnologie visive possono essere sfruttati per migliorare l’interazione con i clienti e l’esperienza di viaggio, dalla prenotazione al ritiro bagagli, così come la tecnologia mobile.

 

La richiesta dei viaggiatori: servizi mobile più avanzati
Mentre l’offerta dei servizi mobile sta ancora evolvendo, risulta evidente come i consumatori inizino oggi a richiederli e si aspettino di poterne usufruire: solo in Italia gli utenti che utilizzano uno smartphone sono 20,1 milioni, registrando una crescita rispetto al 2010 del +117% .
Dalla ricerca  effettuata da Amadeus risulta che il 16% degli intervistati usa già gli smartphone per prenotare il proprio viaggio. Nella fascia di età compresa tra i 18-35 anni la percentuale sale al 18%, arrivando al 33% tra i viaggiatori abituali. Inoltre, il 3,4% dei consumatori utilizza oggi il proprio dispositivo mobile per effettuare il check-in del volo.
L’indagine di Amadeus ha rilevato che attualmente circa il 40% dei consumatori vorrebbe poter ricevere aggiornamenti in tempo reale relativi al bagaglio e al volo, sul proprio dispositivo mobile, se il servizio fosse disponibile. E’ intuitivo come la tecnologia mobile sta rivoluzionando il modo in cui le compagnie interagiscono con i viaggiatori ed entrano in contatto con le loro necessità. Consente ai viaggiatori di avvalersi di un dispositivo sempre connesso che, grazie alle sue illimitate potenzialità, è in grado di trasformare il modo di viaggiare dei consumatori. La sfida che oggi l’industria dei viaggi deve affrontare è creare un’esperienza mobile avvincente e intuitiva offrendo servizi che aiutino i viaggiatori a ottenere le informazioni di cui necessitano e a comprare le cose di cui hanno bisogno.

“Il nostro costante impegno in ricerca e sviluppo, innovazione e produzione di soluzioni digitali estremamente fruibili e versatili, che portano valore al mercato sono le priorità di Amadeus, in Italia e nel mondo, conclude Lazzerini. I prodotti e i servizi che costantemente mettiamo al servizio dei nostri clienti sono espressione della nostra capacità di combinare all’esperienza e alla competenza una visione del futuro utile per contribuire alla crescita di uno dei settori più cruciali per il benessere del nostro Paese, quale il turismo”.

Imageware srl - Via Moretto da Brescia, 22 - 20133 Milano - Tel. +39 02.7002.51 Fax + 39 02.7002.540 P.I.08529480157 - e-mail info@imageware.it
Group Company: Img Internet